Salta Menù|

Testata della home page Di Sant'Anna di Stazzema

Portale di Sant'Anna di Stazzema - domenica 27 settembre 2020 

Sei in: »Portale di Sant'Anna di Stazzema


Etichetta che descrive cosa c'è oggi in evidenza sul portale.



  News



  Visitare il Museo Storico di Sant'Anna di Stazzema





[News]

11 Agosto 2020

Cerimonie Don Innocenzo Lazzeri Don Fiore Menguzzo Fiaccolata Silenziosa- Dichiarazioni, foto, video



Martedì 11 agosto 2020 si svolgeranno le cerimonie a Pontestazzemese per ricordare Don Innocenzo Lazzeri e a Mulina di Stazzema per ricordare Don Fiore Menguzzo e i Martiri di Mulina.
La sera, a Sant’Anna di Stazzema, ci sarà la Fiaccolata Silenziosa.


11 Agosto 2020- Cerimonie Pontestazzemese e Mulina- Foto e video





Si sono svolte questa mattina, martedì 11 agosto 2020, le cerimonie a Pontestazzemese per ricordare Don Innocenzo Lazzeri e a Mulina di Stazzema per ricordare Don Fiore Menguzzo e i Martiri di Mulina.
Le celebrazioni hanno preso inizio a Pontestazzemese dove è stato deposto un mazzo di fiori al busto che raffigura Don Innocenzo Lazzeri, Medaglia d’Oro al Valor Civile e Giusto fra le nazioni, sfollato da Farnocchia e ucciso a Sant’Anna di Stazzema.
La cerimonia è proseguita a Mulina di Stazzema, dove Don Simone Binelli ha officiato la Santa Messa prima degli interventi del Sindaco di Stazzema Maurizio Verona e del prof. Emmanuel Pesi.
Al Parco della Rimembranza, presso la Chiesa di San Rocco, è stato deposto un mazzo di fiori al Monumento ai Caduti e al Monumento in memoria di Don Fiore Menguzzo, Medaglia d’Oro al Merito Civile.
Presenti alle celebrazioni Bruno Possenti per ANPI Regione Toscana, che ha deposto i fiori, l’on. Umberto Buratti, delegazioni dei comuni di Forte dei Marmi, Camaiore, Pietrasanta, Seravezza, Stazzema, Pescaglia, Pisa, il Gruppo Labaro Martiri di Mulina di Stazzema, ANPI Gino Lombardi Pietrasanta, ANPI Trento, ANPI Provincia di Pisa, ANPI Montignoso- Gruppo “Fil de Ferro”. A Mulina di Stazzema, alle prime luci dell’alba del 12 agosto 1944, Don Fiore Menguzzo venne ucciso lungo la mulattiera per Farnocchia. Poco prima erano stati uccisi suo padre Antonio (65 anni), la sorella Teresa (36), la cognata Claudina Sirocchi (28 anni), le nipoti Colombina Graziella Colombini (13 anni) e Elena Menguzzo (18 mesi). Il parroco aveva 28 anni.
“Don Innocenzo Lazzeri, Don Fiore Menguzzo e i Martiri di Mulina sono per tutti noi punti di riferimento”- ha commentato il Sindaco di Stazzema, Maurizio Verona. “Il clero, come tutta la popolazione civile, ha pagato un altissimo contributo di sangue nell’estate del 1944. Per questo ci impegniamo, come Parco Nazionale della Pace, a realizzare a Mulina un luogo in cui ricordare il sacrificio del clero martire di tutta la Versilia. Vittime innocenti della barbarie nazifascista che ha negato il diritto alla vita, uccidendo con inumana ferocia chiunque trovassero. Ideologie criminali, il fascismo e il nazismo, superate con la creazione dell’Unione Europea. La memoria è fondamentale perché questi crimini contro l’umanità non vengano ripetuti”.
“Oggi ricordiamo don Fiore Menguzzo e con lui don Innocenzo Lazzeri, don Libero Raglianti e tutti quei sacerdoti della Versilia e della provincia di Lucca che nel periodo buio della guerra, anche se il buio durava terribilmente, seppero guardare oltre e seppero costruire un nuovo modo di esistere”- ha detto il prof. Emmanuel Pesi nel corso dell’Orazione ufficiale, tenutasi presso la Chiesa di San Rocco a Mulina di Stazzema. “Qual è il dono che don Fiore e molti altri sacerdoti ci hanno lasciato? Cosa ci fa capire oggi la loro scelta di proteggere chi soffre, chi è perseguitato? Innanzitutto”- prosegue Pesi- “ci consente di comprendere meglio la Resistenza, intesa come un movimento civile, che si è espresso in una pluralità di motivazioni e di forme, armate e disarmate, e non come quello scontro tra minoranze armate avvenuto nell’indifferenza generale a cui il revisionismo la voleva e la vuole ridurre. Una riduzione funzionale poi a indicare la nostra Costituzione come il risultato del compromesso di pochi. Invece, un concetto “largo” di Resistenza non solo rispecchia meglio la realtà storica, ma ci porta anche a capire come la nostra Costituzione nasca da esperienze concrete, dalla sofferenza, dai dolori e dalle speranze del popolo italiano”.







Pontestazzemese
Don Innocenzo Lazzeri è Medaglia d’Oro al Valor Civile e Giusto fra le nazioni. Dopo lo sfollamento di Farnocchia, si unì ai suoi compaesani diretti a Sant’Anna di Stazzema e qui, il 12 agosto 1944, venne ucciso sulla piazza davanti alla chiesa. A Farnocchia, nella canonica della chiesa di San Michele, nascose una famiglia di religione ebraica, gli Sraffa, nell’autunno del 1943 salvandoli dalla deportazione. Per questo gesto, lo Yad Vashem nel 2016 lo ha insignito del riconoscimento di “Giusto tra le Nazioni”

Mulina
Don Fiore Menguzzo è Medaglia d’Oro al Merito Civile. A Mulina di Stazzema, alle prime luci dell’alba del 12 agosto 1944, Don Fiore Menguzzo venne ucciso lungo la mulattiera per Farnocchia. Poco prima erano stati uccisi suo padre Antonio (65 anni), la sorella Teresa (36), la cognata Claudina Sirocchi (28 anni), le nipoti Colombina Graziella Colombini (13 anni) e Elena Menguzzo (18 mesi). Il parroco aveva 28 anni.
Il programma della giornata di martedì 11 agosto 2020 avrà inizio a Pontestazzemese, in piazza Europa alle 9:30, dove sarà deposta una corona di alloro alla targa in ricordo della Medaglia d’Oro al Valor Militare per la Versilia e ai Caduti di tutte le guerre. Seguirà la deposizione della Corona di Alloro al busto di Don Innocenzo Lazzeri, Medaglia d’Oro al Valor Civile. La cerimonia proseguirà a Mulina di Stazzema, al Parco della Rimembranza presso la Chiesa di San Rocco dove alle 9:45 sarà deposta una Corona di alloro al Monumento ai Caduti e al Monumento in memoria di Don Fiore Menguzzo. Alle ore 10:00 sarà celebrata la Santa Messa officiata da Don Simone Binelli. Al termine della funzione, interverranno il Sindaco di
Stazzema, Maurizio Verona, e il prof. Emmanuel Pesi per l’Orazione Ufficiale.

Sant’Anna di Stazzema
Alle 21:15 a Sant’Anna di Stazzema partirà la Fiaccolata Silenziosa, l’omaggio alle vittime organizzato dall’Associazione Martiri di Sant’Anna in collaborazione con l’Associazione Jenny Marsili e l’Associazione Per Sant’Anna.
Un momento di riflessione, suggestivo e molto sentito da superstiti e familiari delle vittime. La Fiaccolata Silenziosa partirà dalla Piazza della Chiesa di Sant’Anna di Stazzema, proseguendo lungo la via Crucis per arrivare al Sacrario. Padre Giacomo conferirà la benedizione all’Ossario e alle vittime. L’ascesa lungo la Via Crucis sarà accompagnata dai rintocchi della Campana della Pace.

E’ obbligatorio l’utilizzo della mascherina di protezione in tutti i luoghi al chiuso ed è altresì fortemente raccomandato indossare la mascherina per tutta la durata delle cerimonie, anche negli spazi aperti laddove e ogni qualvolta non sia possibile mantenere la distanza di sicurezza dalle altre persone presenti. E’ fatto comunque obbligo, come da disposizioni di legge, mantenere la distanza di sicurezza interpersonale di almeno un metro.





Etichetta che annuncia il menu del sul portale.

Italian | English | Deutch


  Scegli il percorso


  Newsletter

Se vuoi ricevere informazioni sulle nostre iniziative iscriviti alla nostra newsletter.


  Ricerca

Ricerca

» Ricerca Avanzata





Stampa questa Pagina | Segnala questa Pagina | Torna Su


Portale di Sant'Anna di Stazzema